Proteggi i tuoi backup dal rischio CryptoLocker

Le infezioni di malware randsomware, come Cryptolocker, sono diventate purtroppo all’ordine del giorno. Le aziende sono alla costante ricerca di sistemi per proteggersi al meglio e per evitare di dover pagare ingenti somme per il riscatto.

I tuoi dati sono a rischio. Tutti i dati, compresi quelli sulla rete e persino quelli backuppati, possono diventare una vittima di CryptoLocker e venire criptati. Poteggili grazie alle soluzioni di backup e disaster recovery NetJapan.

 

Scenario 1: replica onsite con rotazione di dischi USB

scenario-1

Software utilizzati

  • ActiveImage Protector Small Business Server (SBS) Edition per la creazione dei backup.
  • ImageCenter per la replica e il consolidamento delle immagini di backup.

Hardware utilizzato

  • Tre dischi USB oppure un drive RDX

Procedura

  1. Installare ActiveImage Protector SBS Edition e ImageCenter LE sul Server Windows Essentials.
  2. Creare un job di backup settimanale di tutto il disco che preveda un full backup giornaliero e backup incrementali ogni 15 minuti nel corso della giornata. Il target sarà il disco USB 1.
  3. Utilizzare le funzionalità integrate di deduplica “Inline Data Deduplication” e Compressione per ridurre i costi legati allo storage oltre che per accelerare la velocità di trasferimento delle immagini di backup.
  4. Impostare ImageCenter LE per replicare subito (immediate) le immagini del disco verso il disco USB.
  5. Scollegate e ruotate il disco USB 2 con il disco USB 3 giornalmente, conservando quello inutilizzato in un caveau o altro luogo sicuro.

Nota bene: ruotare quotidianamente solo il secondo ed il terzo disco USB. Questo ridurrà a massimo un giorno la vostra perdita di dati.

 

 

Scenario 2: Replica onsite via FTP

scenario-2

Software utilizzati

  • ActiveImage Protector Server Edition per la creazione delle immagini di backup.
  • ImageCenter per lareplica e il consolidamento delle immagini di backup.

Hardware utilizzato

  • Server fisico Windows 2012 R2 con un NAS come destinazione dei backup.
  • Un sistema Windows separato come server onsite FTP / target per la replica.

Procedura

  1. Installare di ActiveImage Protector Server Edition e ImageCenter LE sul Server Windows 2012 R2. Installare ImageCenter LE anche sul Server Windows FTP.
  2. Creare un job di backup di tutto il disco impostando un job che preveda backup incrementali continui (One Time only per il full backup) con frequenza ogni 15 minuti e salvare i backup su un NAS locale.
  3. Utilizzare le funzionalità integrate di deduplica “Inline Data Deduplication” e Compressione per ridurre i costi legati allo storage oltre che per accelerare la velocità di trasferimento delle immagini di backup.
  4. Impostare la replica di ImageCenter LE su “Immediate”. In questo caso il target per la replica sarà il server FTP locale.
  5. Configurare da ImageCenter il consolidamento delle catene di backup incrementali sul NAS. Per performance ottimali, la catena non dovrebbe avere più di 500 backup incrementali.
  6. Per il consolidamento dei file incrementali sulla destinazione FTP, occorrerà installare ImageCenter localmente.

Nota bene: La cartella del server FTP non deve essere visibile nella rete (le unità non devono essere mappate) e deve essere accessibile solo via FTP!

 

Vuoi scoprire altri scenari?